*If people say I'm crazy I tell them that it is true!*

 

Il brano che vi riporto parla dell’affascinante fenomeno delle coincidenze, argomento che da circa un anno, mi coinvolge tantissimo… forse troppo…

L’ho trovato in un libro e mi ha sorpreso, non tanto per il pensiero che ha l’autore circa questo fenomeno (anzi alcune delle cose che dice mi fanno persino sorridere, perché io non le condivido assolutamente), quanto per le parole che usa… strana sensazione che non so spiegare… è come se fosse entrato nei miei pensieri e avesse elaborato in parole tutte le forti emozioni che mi legano quando mi trovo di fronte ad un evento del genere… per me è fantastico, quasi magico…

Mi stupisco che sia proprio io ad usare queste parole… magico… sono sempre stata molto scettica io riguardo a cose di questo genere, a presunte "energie positive in movimento emanate dai nostri corpi" e quant’altro… ma quello che mi sta succedendo ha davvero dell’incredibile… è troppo affascinante…!

Stupende in particolare le ultime parole del brano, l’ultima frase…

Ecco a  voi…

  

 

 

 

"Una delle questioni più interessanti e anche misteriose, per non dire inquietanti, che ha affascinato da sempre e continua ad affascinare la vita degli uomini, sono le cosiddette coincidenze.

Le coincidenze sono avvenimenti e fatti che si verificano in modo sorprendentemente collegato a nostre aspettative, a nostre speranze o anche a nostri timori e si tratta di episodi abbastanza frequenti che si ripetono a intervalli più o meno regolari nella vita di ciascuno di noi.

Esse sono il frutto di volontà espresse o di movimenti in atto, di desideri che si manifestano con grande forza. Si manifestano in modo meno chiaro e immediatamente visibile e percepibile, perché non appartengono alla sfera dei nostri comportamenti quotidiani e delle nostre esperienze più frequenti e familiari, ma rimangono comunque pure espressioni della nostra inconscia volontà.

Molto spesso questo fa quasi paura, perché quando ci si allontana dal mondo che noi siamo abituati a frequentare, a conoscere, a vivere, molto spesso tendiamo a sostituire quella che dovrebbe essere una doverosa curiosità, con comportamenti timorosi e di prudenza, nella perenne ricerca di situazioni tranquille e stili di vita confortevoli e rilassanti che ci confermino le nostre consolidate opinioni e sensibilità. Anche quando ci rendiamo conto che una coincidenza sopraggiunta è troppo strana e inspiegabile per essere soltanto una coincidenza, ci limitiamo ad un sorriso abbozzato non si sa verso chi e per che cosa, ad una sorpresa silenziosa e subito repressa, ad abbozzare una domanda, una richiesta di spiegazioni che ci lasciamo strozzare in gola e che non rivolgeremo mai né a noi stessi, né ad altri.

Una delle coincidenze più frequenti e comuni nelle quali molte persone, per non dire, tutti, hanno avuto occasione di imbattersi è quella degli incontri “casuali”. Questa si verifica quando tra due individui che vivono in una stessa città inizia un percorso di intensa sintonia, il più comune dei quali è quello dell’innamoramento. In quel periodo, quello della nascita del nuovo sentimento, avviene che la grande forza delle energie positive in movimento, condiziona inesorabilmente tutta la vita delle persone coinvolte e non c’è un modo di sottrarsi a questa legge generale. Così si verifica che le due persone interessate vengano attratte da una forza “misteriosa” verso gli stessi luoghi, negli stessi momenti. Quando, ad esempio, si fa una certa cosa in un determinato momento e in un luogo definito e, all’improvviso, ci viene in mente di dirigerci in un’altra zona, spesso lì incontriamo l’altra persona. E nei casi di maggiore intensità emotiva, addirittura “sappiamo” che proprio lì avremmo incontrato l’altra persona cosa che quasi sempre, puntualmente avviene, tanto che a volte non ci meravigliamo neppure di quell’incontro, ci sembra naturale.

Quando, poi, l’incontro avviene ci sentiamo appagati, soddisfati, felici, non solo per l’incontro, ma, perché tutte le nostre innumerevoli particelle costitutive, che precedentemente stavano lavorando con tenacia per quell’evento, hanno raggiunto il loro scopo e possono accoppiarsi con le altrettanto innumerevoli particelle della persona amata dando luogo a esplosioni di incontri multipli e intrecciati, a nuove creazioni di energia e di onde non solo emotive.

In quelle situazioni sentiamo una gradevole sensazione di benessere, perché tutto va bene, la vita ci sorride, la fase ascendente è al massimo splendore e al massimo vigore, niente ci preoccupa, niente ci spaventa, ci sentiamo immortali."

 

 

**

 

 

 

 

 

 

P.S.: volevo specificare che il titolo del post precedente, non ha molto a che fare con il relativo contenuto… è inutile che qualcuno cerca di ragionarci su (scemo!)… è solo il titolo di una canzone che mi piace perchè per me ha un significato particolare… solo molto lontanamente è collegata a qualcosa (anzi a qualcuno) di cui parlo nel post… molto lontanamente, garantito…! Silviaperlaprecisioneelachiarezzasempre…chesepoiqualcunomiincorreinmalintesiasiamorovinati…!!!😄

 

 

 

 

Commenti su: "“… can we meet on the streets maybe tomorrow…”" (10)

  1. federica ha detto:

    è vero..le coincidenze, nel bene e nel male sono lì…
    molto bello il brano =)
    bacioni

  2. giulietta ha detto:

    Ciao Silviettina mia, molto bello questo brano sulle coincidenze! So a cosa ti riferisci tu quando ne parli… quando mi dici che incontri qualcuno per strada e non sai spiegarti come mai… io spero tanto che questa situazione che stai vivendo ti renda più felice che mai, perchè te lo meriti… sei una ragazza dolcissima e stupenda… ^^!Bacioni, ti voglio tanto bene!

  3. Ehi picculina mia! Che dolce che seiii! ^^Grazie per essere sempre così disponibile quando ti dico che ti devo parlare… e grazie anche per l\’augurio che mi hai fatto…!Tvttttb! Tanti bacetti!!! ;-*

  4. Fabio ha detto:

    Bello il brano… hai detto bene, coincidenze a volte sorprendono veramente!

  5. NICOLA ha detto:

    Coincidenze, alle volte disegni sovrannaturali, altre volte vengono chiamati eventi della Provvidenza. Sta di fatto che io studiando un po’ di “numerologia” ho collegato diversi eventi significanti ad un unico numero. La questione è incredibilmente affascinante perché tutto coincide, come un progetto che deve avere un principio ed una fine, un’alfa ed un’omega. Anch’io mi chiedo ce sono soltanto coincidenze o cosa? Boh. Sta di fatto che mentre noi pensiamo, calcoliamo le combinazioni più assurde, ci chiediamo il perché di tante cose…mentre i sogni ci riempiono la vita, mentre ascoltiamo canzoni e piangiamo, mentre sorridiamo….. beh non ci rendiamo conto che VIVIAMO. Proprio cos’, viviamo la nostra vita. Quella vita piena di ricordi; alcuni che vorremmo cancellare, altri che custodiamo nella cassaforte del cuore… eh si, ecco la nostra vita che corre, si riversa in un fiume e noi faticosamente cerchiamo di nuotare, cerchiamo di sopravvivere. Un giorno mentre l’amore era diventato dolore mi capitò casualmente di leggere questa frase: “l’amore non è una pietra stabile e sicura, è un fiume che può sfociare in un oceano o prosciugarsi in una palude”. Eh si in fondo i sogni, i progetti non sono altro che momenti transitori verso il fine ultimo… ma qual è questo fine ultimo? Ecco che inizia la rincorsa alle coincidenze, alle credenze mistiche, alla fortuna, ed intanto la vita scorre, e nulla ritorna come prima. Il tempo cambia ogni cosa, trasforma tutto! Dalle tue righe scritte forse parli di un amore, di un’amicizia, di un sentimento che continuamente bussa alla tua porta e tu, come me, come tutti i nostri coetanei a chiederci il perché? Peccato però che fra i tanti perché, spesso ci dimentichiamo di dire a noi stessi: “PERCHE’ mi pongo tutte queste domande e non vivo semplicemente la mia vita”?
     
    CARPEDIEM a te e a tutti i visitatori dei blog.
    Un uomo diceva:” cogli la rosa quando fiorisce, perché domani sarà già appassita”
    Ps. Silvia un saluto fraterno; a presto J   

  6. Silvia ha detto:

    Ciao Nicola, apprezzo sempre i tuoi commenti e le tue riflessioni, ma ti devo fare un piccolo appunto riguardo a quello che hai scritto stavolta… è verissimo quello che dici, che il tempo passa, la vita scorre e noi passiamo il tempo a chiederci inutilmente il perchè accadano certe cose… io però penso che la vita sia proprio questo… la vita sono continue domande, continui dubbi, continui perchè… la vita è ridere, piangere, correre, saltare, sussurrare, gridare… e la vita è anche gioire davanti a dei fatti che ti sembrano assurdi, ma che inspiegabilmente ti fanno stare bene… secondo me non c\’è nulla di male… c\’è chi vive credendo di sapere già tutto, c\’è chi non crede in niente, c\’è chi si fa mille domande, chi si affida a forze soprannaturali… ognuno vive la vita che vuole insomma, nel modo in cui vuole… io non mi sento di "perder tempo" pensando a certe cose, riconosco che non è razionale farlo, però ogni tanto mi va di lasciarla un po\’ perdere la ragione e perdermi ad esempio a guardare il cielo anche senza pensare a nulla… e sento che questo mi arricchisce, non mi fa perder tempo… è proprio in quei momenti che io mi sento davvero viva…! E poi comunque non sempre mi chiedo il perchè delle cose, molte volte, come diceva il brano, sorrido e basta e penso a quanto bella e misteriosa sia la vita…! Sono superficiale? Sono stupida? Non mi importa… è così che ho deciso di vivere, è così che sono io…!
    Nicola, un abbraccio fraterno anche il mio a te… non era per aggredirti quello che ho scritto, assolutamente, solo un piccolo scambio di opinioni… so che con te potevo permettermi di farlo…😉
    Ti aspetto a pranzo quando vuoi…! ^^A presto.

  7. Andrea ha detto:

    Ciao piccola, che strana storia questa delle coincidenze… spero che questi fatti riescano a renderti felice, ma lo sai sono scettico riguardo a queste cose e anche un po\’ geloso a dir la verità! Ma è giusto così, "la vita continua anche senza di noi"… anche se accettarlo mi risulta ancora un po\’ difficile… mi manchi tantissimo e non vedo l\’ora di rivederti…
    Ti voglio un mondo di bene cucciolotta mia! Un bacio dolcissimo e in bocca al lupo per il prossimo esame!

  8. Silvia ha detto:

    Amore miooo!!! … senza parole… mannaggia a noi, che teste che siamo… *.*
    Questa storia delle coincidenze mi sta prendendo tantissimo è vero, ma non so fino a che punto l\’emozione che mi lega a quei fatti sia vera felicità… forse lo faccio apposta ad esagerare la cosa, forse è solo per cercare di guardare avanti… non lo so, non so più niente… mi manchi tantissimo anche tu, voglio rivederti presto… ti voglio un mondo di bene cicio mio, grazie per l\’augurio, in bocca al lupo anche per il tuo esame! Un milione di bacini!! ;-*

  9. Francesca ha detto:

    Ciao perlina🙂 Anch\’io sono affascinata dalle coincidenze…da una, in particolare, che mi è capitata circa 2 anni fa e mi fa ancora riflettere. Penso che anche Neil e Chris si stiano ancora chiedendo cosa sarebbe successo se, 27 anni fa, non si fossero incontrati in quel negozio a King\’s Road😉
    Tant baci da…Monopoli (passo un weekend a casa, finalmente!!).
    Ciao!

  10. Fabio ha detto:

    è vero.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Tag Cloud

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: